Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Asiago

Altopiano di Asiago: Forte Interrotto

Immagine
  Domina un'altura a pochi chilometri dal centro di Asiago : è Forte Interrotto . Recentemente restaurato, vale assolutamente una visita. L'atmosfera è unica, rafforzata dal suono di uno strumento suonato dal vento, che accompagna un ricordo lontano più di un secolo ma ancora vivo, attraverso questo luogo della Grande Guerra .  Per raggiungere Forte Interrotto si sale da località Camporovere , nelle immediate vicinanze di Asiago . La strada è in fase di sistemazione e attualmente è necessario percorrere un breve tratto di strada bianca per raggiungere un piccolo parcheggio e proseguire a piedi. La passeggiata non è impegnativa ma si consigliano calzature adeguate. La vista sul centro di Asiago e sull'Altopiano è davvero unica. 

Itinerari offroad in moto. Altopiano di Asiago: Campomulo, Piazzale Lozze, Malga Moline.

Immagine
  L' Altopiano di Asiago è ricco di itinerari su strade bianche aperte al traffico che permettono di immergersi nella natura divertendosi con un po' di offroad , sempre nel rispetto del territorio che si attraversa e nel rispetto dei limiti di velocità.  Molte strade bianche di queste zone sono vecchie strade militari ereditate dalla Grande Guerra , e sono ora la rete di collegamento di numerosi sentieri turistici, ma soprattutto di malghe e rifugi, dove spesso si possono assaporare le eccellenze del territorio, come il formaggio Asiago e lo speck di Asiago. In particolare l'itinerario da Campomulo a Malga Moline nei mesi invernali si ricopre di neve e si trasforma in una rinomata pista di sci da fondo. L'itinerario completo da Campomulo a Malga Moline, passando per Piazzale Lozze, è lungo circa 25 km, in buona parte su strada bianca, con brevi tratti in asfalto.  Il panorama è quello tipico dell'Altopiano di Asiago, tra spianate ricoperte dai prati, boschi e malg

Giri in moto: Porta Manazzo

Immagine
Molti anni fa, quando ero solo un bambino, passavo ore intere sui prati di Porta Manazzo , seduto ad attendere l'apparizione di una marmotta . Accadeva spesso di avvistarle, ma non sempre. Porta Manazzo è uno di quei luoghi che mi è rimasto indelebile nella memoria, come la notte della finale dei mondiali dell'ottantadue, vissuta nel bar sport in centro a Cesuna. L'Altopiano di Asiago per me è davvero una seconda casa, lo frequento da sempre. Porta Manazzo mi ricorda i tempi di quando ero bambino, e da molti anni mi ero ripromesso di tornarci, a "caccia di marmotte". L'attigua zona dei Larici e del Rifugio Val Formica  nel frattempo è divenuta una zona molto gettonata dai turisti, inoltre è "pericolosamente" vicina ad una delle mie destinazioni preferite per un giro in moto in giornata, Passo Vezzena . Questa vicinanza è stata sempre una scusa per dire "oggi non passo a Porta Manazzo, vado dritto per il Vezzena, ci andrò presto". E cos

Giri in Moto: Col d'Echele, Monumento a Roberto Sarfatti

Immagine
Una domenica d'estate. Giro in moto con gli amici . Dove andiamo? Fa caldo. Pericolo traffico. Direzione montagna, a caccia di aria fresca. Altopiano di Asiago , un classico. Per raggiungerlo si escogitano scorciatoie e "allungatoie" su strade meno conosciute per evitare percorsi troppo congestionati. Partenza da Padova, attraversiamo Carmignano, Pozzoleone, Scaldaferro, Sandrigo, Breganze. Poi su, si sale verso l'Altopiano percorrendo la Lusianese. Tutto tranquillo. Ci infiliamo sulla provinciale 72, il traffico aumenta. Altra deviazione, si va per Sasso e Stoccaredo , di nuovo strada libera. Poi un incrocio un po' strano, nel bel mezzo di quattro vecchie case, una piccola disattenzione, e tiro dritto invece di svoltare a destra. Me ne accorgo quasi subito ma dentro al casco penso che di sicuro una strada per ricollegarsi al percorso la troverò, non ho voglia di fare inversione (e di fare una figuraccia con i miei amici che mi seguono fiduciosi...). Ad un cert

Itinerari in moto: Monte Corno e il giro delle Malghe

Immagine
Questo itinerario in moto di circa 50 km parte da Breganze e si conclude a Malga Col del Vento a Cesuna, attraversando il versante sud del Giro delle Malghe   di Caltrano e Monte Corno . Questo itinerario è caratterizzato da punti panoramici unici verso la pianura. Alcuni punti panoramici sono molto frequentati dagli appassionati di parapendio e non è raro poterne ammirare numerosi volteggiare proprio sopra la tua testa. Il percorso è su strada asfaltata fino a Lusiana, poi dalle vicinanze di Monte Corno e sulla strada delle Malghe di Caltrano si incontrano tratti di strada bianca , in alcuni brevi punti anche un pò impegnativi. L'itinerario si conclude a Malga Col del Vento a Cesuna, un punto panoramico immerso nel verde, con vista sull'Altopiano di Asiago. L'itinerario da Breganze a Cesuna su Google maps .

Giri in Moto nel Veneto: Monte Cengio e Forte Corbin

Immagine
Ci sono luoghi che fanno riflettere. Oltre cent'anni fa, durante la Prima Guerra Mondiale, il Monte Cengio , che si erge ai bordi dell'altopiano di Asiago verso la Val d'Astico, è stato teatro di una cruenta battaglia tra soldati italiani e soldati austroungarici. La battaglia si svolse tra il 29 maggio e il 3 giugno del 1916 , e proprio in questi giorni, complice il ponte del 2 giugno, ho riscoperto questi luoghi che mettono insieme l'emozione di un panorama mozzafiato, il fascino della storia, il peso del sacrificio dell'uomo. Gli eventi della battaglia del Monte Cengio e del "salto dei granatieri" sono ricordati con la statua costruita con pezzi di granata e con la chiesetta che ricorda i caduti. L' area del Monte Cengio si può raggiungere facilmente dalla Strada del Costo ed è possibile percorrere a piedi un lungo tratto della mulattiera di arroccamento del periodo di guerra, attraversando molte gallerie. Non lontano dall'area

Giri in moto nel Veneto: Piana di Marcesina

Immagine
La Piana di Marcesina si trova sull' Altopiano di Asiago , sul confine che divide Veneto e Trentino , tra Foza, Enego e la Valsugana . Questa zona è stata molto colpita dall'uragano del 2018 e i segni sono tuttora molto evidenti. Il fascino di questo luogo rimane immutato nonostante le ferite dell'uragano, ed è senza dubbio una bellissima meta per un picnic o per delle tranquille passeggiate. La strada per raggiungere la Piana di Marcesina è un po' stretta e segnata dalle intemperie ma è percorribile con qualsiasi tipo di moto. Se ci si vuole addentrare in qualche zona più tranquilla o in qualche malga è necessario percorrere qualche tratto di strada bianca, solitamente non troppo impegnativa. Può essere interessante aggiungere la Piana di Marcesina  come deviazione all'  itinerario che attraversa Gallio, Foza,Valstagna .

Giri in moto nel Veneto: Madonna del Buso

Immagine
Ci sono alcuni luoghi non troppo conosciuti che nascondono piccole ma emozionanti sorprese. Uno di questi luoghi si trova sull' Altopiano di Asiago . Tra Gallio e Forza, in zona Stoccaredo, il torrente Ghelpach ha scavato un piccolo canyon. Nelle vicinanze, la piccola chiesetta della Madonna del Buso . Un luogo tranquillo, ai lati di una vecchia strada ormai dismessa che si chiude poche decine di metri dopo l'area del piccolo Santuario. Il torrente Ghelpach non è mai stato particolarmente rigoglioso d'acqua negli ultimi anni, quindi il suo greto è attraversabile a piedi per lunghi tratti. Il torrente Ghelpach ha scavato un profondo canalone nella roccia, facilmente percorribile a piedi in assenza d'acqua. Il Santuario della  Madonna del Buso  e il canalone del torrente Ghelpach possono essere facilmente raggiunti facendo una piccola deviazione all' itinerario di Gallio, Foza, Valstagna  .

Giri in Moto tra Veneto e Trentino: Marostica, Asiago, Passo Vezzena, Levico, Valstagna, Foza, Gallio, Marostica.

Immagine
Questo giro in moto tra Veneto e Trentino di circa 180 km parte nella città murata di Marostica , attraversa l' Altopiano di Asiago , Passo Vezzena, la Valsugana, per poi tornare a salire sull'Altopiano dei Sette Comuni e scendere nuovamente a Marostica. Da Marostica si percorre la strada del Rameston in direzione Asiago, passando per Conco. Superato il centro di Asiago, prima del centro Canove si sale sulla destra in direzione Trento. Superato il vecchio confine con l'Impero Austroungarico del Termine si sale verso Passo Vezzena . Dopo Passo Vezzena si seguono le indicazioni per Levico e Caldonazzo, percorrendo la bellissima (e strettissima)  strada panoramica del Menador . Dopo la sosta al tornante panoramico si prosegue verso valle in direzione di Levico e Caldonazzo. Scesi a Levico si prosegue in Valsugana verso Borgo Valsugana. Sosta a Cismon del Grappa alla  Birreria Cornale  per pranzo, poi si riparte e attraversando la Valsugana vecchia si arriva a Val