Vita da moto blogger: il dietro le quinte di un post di Giri in Moto.

moto blogger

I motivi per aprire un blog di qualunque tipo sono molteplici, i perché scrivere di moto in un blog sono altrettanto variegati. Io scrivo di giri in moto nel mio blog soprattutto per divertimento e passione. Mi piace scrivere. Mi piace andare in moto. Semplicemente.

Ho già spiegato perché è nato questo blog , ho già spiegato l'approccio che ho nello scrivere su Giri in Moto, e ho già raccontato la mia storia personale.

Con questo post voglio raccontarvi il dietro le quinte di un blog, cosa si nasconde dietro la realizzazione di un post per Giri in Moto.

Su Facebook e Instagram i miei follower sono qualche migliaio, crescono lentamente ma costantemente, soprattutto stanno crescendo le interazioni con chi mi segue sui social e con chi mi legge in questo blog.

Qualcuno più critico si domanda perché lo faccio e cosa ci guadagno, altri semplicemente più curiosi si chiedono quante energie e quanto tempo sono necessari per gestire un blog, magari perché a loro volta vorrebbero aprirne uno.

Moto blog: perché?

Certamente i social, soprattutto Instagram e YouTube, facilitano le cose. Puoi fare foto e registrare video con il tuo smartphone, e senza nemmeno dover passare per una post-produzione su computer puoi pubblicare contenuti di qualità e avere un tuo pubblico più o meno ampio.

C'è chi si dedica alla produzione di contenuti per avere visibilità, per potersi sentire un Influencer, parola che di questi tempi va molto di moda.

Altri producono contenuti per passione, soprattutto per creare ricordi di qualità, per stimolare se stessi attraverso la condivisione con gli altri. Tante volte grazie allo stimolo creato da questo blog e dai miei social mi sono ritrovato ad abbandonare una comoda e sonnecchiante giornata di divano e tv per andare ad un evento motociclistico o per salire in sella alla mia moto e fare delle foto o delle riprese in quel posto con un bel panorama o in quell'itinerario nuovo, e così via. Gestire un blog è quindi un modo per rimanere più attivi.

Il blog Giri in Moto è infatti soprattutto uno stimolo per me stesso, solo successivamente diviene uno strumento di contatto con la gente.

moto blog
WDW2018: anteprima mondiale della Panigale V4. Io c'ero! Grazie Ducati!

Cosa si guadagna con un moto blog? Solitamente poco o nulla, a parte qualche test ride in anteprima o qualche biglietto gratis per qualche evento motociclistico, per il resto sono più le spese che i guadagni. Certamente qualcuno con un moto blog ci può anche campare, ma come in tutte le cose della vita, i Leo Messi, i CR7, o le Ferragni della situazione sono davvero rarissimi.

Moto blog: come?

Se anche tu sei mosso dalla passione per le moto e vorresti raccontarla in un blog, mi permetto di darti qualche consiglio.

Se vuoi cimentarti in un blog è necessario avere la passione per la scrittura. Prima di tutto, quindi, leggi molto. No, non solo i titoli e i sottotitoli dei post su internet. Leggi in profondità gli articoli dei tuoi magazine o web magazine preferiti, e soffermati sulle frasi che ti colpiscono di più.
Leggere è il miglior modo per imparare a scrivere meglio. Ho detto meglio, non bene, perché noi blogger non siamo dei professionisti della scrittura, ma abbiamo un arma molto potente, la spontaneità. Probabilmente non sarai mai uno scrittore perfetto, ma leggere ti aiuterà a migliorarti molto, e a coinvolgere maggiormente i tuoi lettori.

Se la scrittura ti fa un po' paura o non ti appassiona particolarmente, e preferisci l'immediatezza delle foto o la profondità dei video, il consiglio precedente tutto sommato non cambia. Segui quindi i lavori di fotografi e video maker professionisti, impara attraverso corsi e tutorial come impostare al meglio le inquadrature e come interpretare la luce, vivi la fotografia e la registrazione video con passione, e non come un semplice e banale reality show.

Quando avrai messo insieme le basi culturali e personali per raccontarti, allora potrai iniziare a pubblicare nel tuo blog o nei tuoi profili social, tenendoti informato costantemente per migliorare sempre.

moto blogger
L'incontro con WomenMotorBootcamp allo stand del MotorBikeExpo

Se sarai coerente e onesto con te stesso sarà più facile crescere e creare nuovi contatti con persone che hanno la tua stessa passione e i tuoi stessi ideali, facendo nascere nuove amicizie, sia virtuali che reali.

Moto blog: quanto?

Quanto impegno richiede un moto blog? Dipende da ciascuno di noi. In ogni caso scrivere un post come questo può tenermi impegnato per circa un ora, un post di itinerari in moto può necessitare anche due ore di scrittura e ricerca web.

A queste ore vanno poi aggiunte tutte le energie spese per raccogliere foto e video, tutte le occasioni in cui per rifare una foto riuscita male ripercorri tre volte lo stesso tratto di strada oppure le attese di interminabili minuti per il tuo turno nel fare una foto panoramica tra il casino di un passo di montagna molto frequentato.

Infine l'attrezzatura tecnologica. E' vero può bastare un ottimo smartphone e un qualunque computer per poter pubblicare materiale di qualità. Ma come spesso accade l'appetito vien mangiando... e se un power bank per sostenere la batteria del tuo smartphone durante le uscite in moto è praticamente  indispensabile, tutto il resto non lo è, ma un po' alla volta ti vien voglia di provarlo, e quindi di comprarlo. GoPro ed action-cam sono tra i primi strumenti di cui non riesci ad evitare l'acquisto. Poi c'è il resto, come il navigatore per moto o il drone.

moto blogger
Un esempio degli strumenti utilizzati per il blog Giri in Moto

Quanti e quali strumenti utilizzare per il vostro moto blog è una scelta personale, dettata dalla passione e dalle possibilità di ciascuno. Di sicuro lo strumento non è di per se sinonimo di qualità.

Acquistare una reflex e saper usare un software di fotoritocco non fa di voi un fotografo, come acquistare una action cam e sapere usare un software di montaggio video non fa di voi un regista cinematografico. Semplicità, spontaneità, modestia, sempre.

Moto blog: quando?

Ogni momento è quello giusto e ogni scusa è buona per aprire un blog. L'importante è essere consapevoli del fatto che la nostra vita non è un reality show. Scegliete con cura quando pubblicare qualcosa e tenete per voi alcuni momenti senza sentire la necessità di condividerli. Non fermatevi sempre e per forza a far foto da pubblicare sui social.

Godetevi il viaggio, godetevi i paesaggi, la vostra moto e la strada, godetevi le persone che vi stanno intorno.Talvolta, anzi, spesso, smartphone ed action-cam stanno meglio spente...

moto blogger
Le emozioni di Cima Grappa nel giorno di San Martino.

Mi auguro che questo post possa risultare utile per chi avesse il desiderio di aprire un moto blog. Se avete qualche curiosità o qualche domanda utilizzate i commenti del post!
Buona strada e buona vita a tutti!
"Tengo d'occhio i miei specchietti, ma non mi guardo mai indietro."



Commenti

Post più popolari