Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta ZETA Biker Girl

MIQ: I giri in moto di Erika, Zeta Biker Girl

Immagine
Erika, meglio conosciuta come Zeta Biker Girl , è una motovlogger che apprezzo molto per simpatia e spontaneità. Il suo modo di raccontare la passione per la moto è genuino e traspare sempre nelle sue parole l'emozione con cui vive la strada, curva dopo curva. Avevamo già raccontato qualcosa di lei in occasione di EICMA 2018 e ho voluto coinvolgerla anche in questa serie di mini-interviste taggate MIQ: Motociclisti in Quarantena . Ho fatto girare tra i miei contatti  tre semplici domande :  Qual è il vostro giro in moto preferito? Quale sarà il primo giro in moto che farete dopo l'emergenza? E quali saranno le strade mai percorse e i nuovi itinerari che vorreste pianificare?  Tre semplici domande che mi hanno permesso di raccogliere lo spirito del momento e alcune  suggestioni di viaggio , da condividere in questo strano, particolare periodo in cui siamo costretti a lasciare la moto in garage e  restarcene a casa .  Ecco a voi, quindi, i giri in moto di Erika, Ze

EICMA 2018 vista con gli occhi delle donne: Erika, ZETA Biker Girl

Immagine
EICMA negli ultimi anni è anche il regno delle nuove celebrità digitali . La comunicazione, a livello globale, si allontana progressivamente dalla parola scritta e si sposta sempre di più nella direzione delle immagini, siano esse singole foto o fotogrammi di un video. Il fenomeno dei motovlog è in continua crescita non solo nei numeri ma soprattutto nella varietà e nella qualità delle proposte che si possono trovare online. Uno smartphone, una videocamera, un computer, una connessione web, e chiunque si può inventare broadcaster .  Qualcuno lo fa meglio di altri. Erika, classe novantadue, meglio conosciuta come ZETA Biker Girl , è tra le prime se non la prima motovlogger donna in Italia. Di sicuro è la prima ad aver raccolto intorno a se molto seguito e molti consensi. Semplice, spontanea, lontana dagli eccessi di qualche suo "collega maschietto", Erika si divide tra i suoi studi di Architettura a Firenze, qualche lavoro part-time per garantirsi una sua indipendenza,