Il primo viaggio in moto in solitaria di Donato: dalla Sicilia alla Grecia, attraversando cinque paesi

Donato Isidoro Martorana ilDons


I viaggi in moto in solitaria rimangono indelebili nel cuore di chiunque, soprattutto quando si tratta del primo viaggio, le emozioni restano vive e lucide per molto tempo.

Donato ci racconta il suo primo viaggio in moto in solitaria, in compagnia della sua Ducati Multistrada 950, partendo dalla Sicilia e attraversando Croazia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Albania, e Grecia. 



Donato Isidoro Martorana il Dons

Donato Isidoro Martorana il Dons


Nell'ormai "lontano" 2019 mi organizzavo per fare il mio primo viaggio in moto in solitaria con la mia Ducati Multistrada 950. Sono sempre stato un motociclista fin dalla tenera età di 13 anni, prima ereditando il 50cc di mio fratello, poi, all'età di 16 anni, con il classico "vespone" PX 125.

Passare quindi ad una bestiolina di 220 kg e affrontare con lei un viaggio in moto in solitaria non è stata cosa da poco. Paure e insicurezze si facevano sentire eccome, ma nonostante questo decisi di partire con qualche idea per la testa e senza troppe certezze. Ho iniziato il mio viaggio percorrendo "velocemente" buona parte d'Italia per raggiungere il porto di Ancona, che mi avrebbe aperto le porte alla Croazia, vero e proprio inizio del mio viaggio. 

La destinazione finale? Ho deciso di non decidere. Sono partito senza prenotazioni in pieno Agosto, con una sola sicurezza, una tenda da 15 Euro di Decathlon che mi avrebbe salvato in caso di estrema necessità... Ho deciso di improvvisare quasi tutto, limitandomi a tracciare una rotta ipotetica sulla mappa, che avrei di volta in volta modificato a mio piacimento, e dedicandomi alla cura e alla sicurezza della mia moto.

Il viaggio inizia da Bagheria, mia città natale. Raggiunto il porto di Ancona, dopo una notte di nave arrivo nella bellissima città di Spalato e mi appresto velocemente a fare le prime curve nella meravigliosa costa Croata, ma questo viaggio è tutto improvvisato e quindi decido di pernottare in un altro stato, la Bosnia Erzegovina, nella città di Mostar, simbolo della guerra Serbo‑Bosniaca, con un grande fascino storico e culturale, da togliere il fiato.


Gargano
Gargano

Macarsca
Macarsca

Mostar
Mostar

Dubrovnik
Dubrovnik


Lasciata Mostar ritorno in Croazia facendo una bellissima strada tra fitti boschi per arrivare nell'affascinante ex città veneziana famosa anche con il nome di Approdo del Re: Dubrovnik. Nonostante la sua bellezza il giorno dopo scappo subito per via del troppo turismo che ha colpito questa città negli ultimi anni e mi appresto a raggiungere il terzo paese del mio viaggio: il Montenegro. 


Montenegro
Montenegro


Passo cinque giorni in questo bellissimo territorio, sembra fatto e pensato per noi motociclisti: curve, natura, mare, montagna, buon cibo... è pure economico e potrei continuare con altre innumerevoli qualità. In ordine cronologico ho visitato Kotor, Cettigne, Pluzine, il Parco Nazionale del Durmitor, Zabljak e Budva.


Donato Isidoro Martorana ilDons
Montenegro

Montenegro
Montenegro



Arriva il giorno in cui devo lasciare con dispiacere un inaspettato Montenegro che mi ha riempito gli occhi di cultura, mare e natura incontaminata. Ma se sapevo poco del Montenegro, la situazione era ancor peggiore riguardo le mie conoscenze sull'Albania. Di questo paese sapevo solo poche cose; prima di tutto dovevo procurarmi un'assicurazione per la moto al confine, perché in Albania la carta verde della mia assicurazione non aveva validità (le assicurazioni europee non vogliono che i loro clienti possano girare nello stato con maggior incidenti d'Europa). Sapevo che il Nord è più povero del Sud, sapevo che avrei dovuto percorrere la SH20, una strada a serpentina che mi era stata consigliata su Facebook.


In Albania finalmente incontro altri motociclisti e viaggiatori con cui condivido buona parte di strada, e scopro che anche l'Albania sembra davvero fatta per noi motociclisti. Più precisamente per gli enduristi visto che la maggior parte delle strade non è asfaltata. Riesco a visitare Scutari, Tirana, Corizza Argirocastro e Saranda, anche con una breve deviazione in Grecia.


Tirana
Tirana

Meteora
Meteora

Argirocastro
Argirocastro

Corfù
Corfù

Mar Ionio
Mar Ionio


Comincio a fare i conti con il mio portafoglio e con il calendario. Non avendo nella mia testa una destinazione precisa per il mio viaggio, comincio a cercare una città che potesse essere la meta finale del mio percorso, per poi ritornare in Italia. La trovo, è Kalambaka, detta anche Meteora nelle Grecia continentale, luogo conosciuto tramite un'influencer di Instagram, che mi ha anche ispirato per questo viaggio. Arrivare qui è stato come chiudere un cerchio, ero proprio soddisfatto.
Non avevo tante soluzioni per ritornare a casa, la più veloce era la nave Corfù‑Bari, che ha significato dover affrontare per due volte i confini Grecia‑Albania‑Grecia.


Durante il tragitto per Corfù ho visitato vari siti Unesco, sia in Grecia come la cittá di Iannina, sia in Albania, come Argirocastro,  per poi terminare la giornata a Saranda.


Decido quindi di rimanere 3 giorni nell'isola di Corfù, sia per riposare, sia perché ero in attesa delle partenze della nave, pianificate a giorni alterni.

Ho dedicato del tempo al relax, alla pulizia e manutenzione della moto, per dovermi poi calare nel girone infernale della nave in alta stagione, questa volta ancora più caotica dell'andata, con il risultato di aver passato la nottata per terra dentro al sacco a pelo (che ho utilizzato solo in quest'occasione durante tutto il mio viaggio).


Concludendo: Nel mio primo viaggio in moto in solitaria sono riuscito a varcare cinque confini in 23 giorni, facendo 4500 km. Ho visto posti pazzeschi, ho conosciuto tantissima gente, ho mangiato talvolta bene e altre volte male, ma soprattutto ho fatto un'esperienza indimenticabile, ancora nitida nella mia mente nonostante siano passati quasi 3 anni .


Consiglio a tutti un viaggio simile, se siete persone molto organizzate pianificate tutte le vostre tappe, ma lasciate sempre uno spiraglio all'imprevedibilità.


Donato-Isidoro-Martorana-ilDons

Donato-Isidoro-Martorana-ilDons

Donato Isidoro Martorana ilDons

Donato-Isidoro-Martorana-ilDons


Se vuoi seguire Donato su Instagram: clicca qui

Per leggere il racconto completo di viaggio di Donato su Instagram: clicca qui

Per scaricare il file kml della prima parte di viaggio di Donato: clicca qui
Per scaricare il file kml della seconda parte di viaggio di Donato: clicca qui


Sono molto legato ai viaggi in moto in solitaria, questo stesso blog è nato dopo la mia prima vacanza in moto in Salento. Io amo soprattutto viaggiare verso nord, quindi il racconto di Donato è ancora più interessante perché fa scoprire a me e a voi destinazioni, luoghi e itinerari verso oriente che rendono più completi i contenuti di questo blog. E' stato un piacere ospitare il racconto di Donato e se anche voi avete un viaggio in moto da raccontare, scrivetemi o contattatemi su Instagram, i più interessanti verranno selezionati e pubblicati.









Commenti