Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2017

Itinerari in moto: Passo Manghen, Passo Rolle, Passo Brocon.

Immagine
Domenica di inizio estate. Mi sveglio e l'aria del mattino, a Padova, non è poi così male. Pianifico rapidamente il mio giro in moto. L'itinerario prevede Passo Manghen , Passo Rolle , Passo Brocon . E' bello ripercorrere i passi di montagna sui due diversi versanti, fare in salita quella strada che era in discesa nel tuo itinerario precedente. Tutto è diverso, il panorama, le emozioni, l'asfalto che scorre sotto le tue due ruote. La mattinata inizia a farsi più calda. Mi infilo in Valsugana, c'è traffico, ma non è una novità. Il caldo sale, ma è ancora assolutamente sopportabile. Uscita di Castelnuovo, poi su verso Telve. Deviazione per passo Manghen. Conosco bene la strada che porta al Passo Manghen. L'ho percorsa anche in bicicletta, una volta, e molte volte a piedi, nelle passeggiate sotto la luna piena de "La notte del Manghen" . Inizio ad avere un po' di fame. Su uno spiazzo come per miracolo appare uno Street food. Panino ignorante,

Itinerari in Moto: Passo Brocon, Passo Rolle, Passo Valles.

Immagine
Due vecchi amici e due sportive naked, un bicilindrico Ducati e un tre cilindri Triumph. Le strade del Trentino, dalla Valsugana a Passo Brocon, poi Passo Rolle e Passo Valles. Un itinerario perfetto per un giro in moto della domenica. La Valsugana come sempre è trafficata, c'è da portare pazienza. All'altezza di Grigno usciamo dalla Valsugana e saliamo su, verso Castel Tesino. La strada è stretta ma è piacevole e poco trafficata. Da Castel Tesino si sale verso Passo Brocon. All'inizio la strada è un po' stretta, poi si fa più ampia e con migliore visibilità. Le curve iniziano ad alternarsi morbide e sale il divertimento. Si arriva a Passo Brocon, sosta al bar per sgranchirsi un po'. Poi si scende verso Canal San Bovo. Da Canal San Bovo si può proseguire verso Fiera di Primiero sulla strada provinciale o si può decidere di deviare per Passo Gobbera e Imèr. Questa prima parte di itinerario è un buon assaggio di quel che ci aspetta in seguito, e ci aiuta a scal

Accessori: Navigatore GPS impermeabile per moto Excelvan con sistema di navigazione iGo Primo

Immagine
Ho provato il navigatore GPS per moto Excelvan con sistema di navigazione iGo Primo, disponibile su Amazon (Con marchio Excelvan o con altri marchi) a prezzi molto interessanti. Pianificare un itinerario o anche un semplice giro in moto è parte integrante del fascino del mototurismo . Perdersi, scoprire nuove strade, guardare l'orizzonte alla ricerca di un riferimento nel paesaggio che ti circonda. Fare sosta al bar del paese per chiedere indicazioni sulla strada da percorrere. Cartine stradali e manuali di viaggio stropicciati, con gli angoli consumati dalle tasche strette delle borse da serbatoio. Post-it con liste di città e paesi che non abbiamo mai visto o sentito prima. Viaggiare in moto è sinonimo di libertà . Libertà anche di sbagliare, tornare indietro, e imboccare nuove strade. Viaggiare in moto ha senza dubbio un sapore romantico, ma è essenzialmente anche un esercizio di pragmatismo. Bagaglio ridotto all'osso, selezione dell'indispensabile, definizione

Giri in Moto: Una domenica d'autunno a Jesolo.

Immagine
Questo inizio di autunno ci ha regalato temperature primaverili. Impossibile resistere ad un giro in moto con gli amici. Questo è il racconto di uno di noi, motociclisti della domenica... "Metti una calda ed inusuale domenica d'autunno . Aggiungi una Triumph, e poi Diavel, Scrambler, 1199, Multistrada, un po' di Monster, infine un pizzico d'America, con la mia Buell. Mescola il tutto e otterrai una ricetta diversa dal solito. La nostra destinazione è il mare. Partiamo, la temperatura è ottima. La mia Buell soffre il caldo, ed io di conseguenza. Andatura tranquilla, si rispetta il codice. Nella Treviso-mare perdo le Ducati per qualche chilometro.  La temperatura si fa sempre più frizzante e Jesolo ci accoglie con una giornata pienamente autunnale. Nebbia!  Poco male, prima fermata al locale preferito dai biker, ma il Gasoline è chiuso! Ripieghiamo per un bar nelle vicinanze. Spritz per tutti. Dopo 90 km abbiamo bisogno anche noi di un rabbocco . Tra chiacchier

Ducati Monster 1200: Quanti chilometri si possono fare con il serbatoio in riserva?

Immagine
Quanti chilometri si possono fare con un Ducati Monster 1200 che ha la spia della riserva accesa? Rispondo subito alla domanda: circa 50 km. Ovviamente dipende dal tipo di guida e di strada ma direi che è una buona approssimazione tenendo conto di un andatura media. Durante il mio test ho percorso con la spia della riserva accesa 49 chilometri e 900 metri, ai quali vanno aggiunti circa 200 metri a piedi (a spinta...). Come accade in molte moto la spia della riserva attiva un contachilometri dedicato per ricordarci quanta strada abbiamo percorso, ma non è presente un indicatore specifico del livello della benzina nel serbatoio. In questi casi è buona abitudine quando si fa benzina alla moto azzerare un contachilometri parziale e calcolare indicativamente quanta strada possiamo fare con quella quantità di carburante. In ogni caso resta sempre un velo di mistero e di incertezza, un misto di sensazioni negative del tipo "accidenti rimarrò sicuramente senza benzina!" e di

Itinerari in Moto: Arezzo, Sansepolcro, Rimini. Strada Marecchia e Passo di Viamaggio.

Immagine
C'è una strada bellissima  che unisce Sansepolcro a Rimini , dalla Toscana all'Emilia Romagna passando per la Val Marecchia e il valico di Viamaggio . Da Arezzo a Rimini il percorso più scorrevole è sulla statale per Cesena, ma se ami le curve e i paesaggi non ci sono dubbi, l'itinerario che attraversa il Passo di Viamaggio è tutta un'altra cosa.  Purtroppo l'asfalto in molti tratti non è dei migliori, soprattutto con una moto sportiva è necessario fare attenzione, ma ad andatura turistica questo giro in moto è assolutamente fantastico .  Il giro completo, partendo da Arezzo, passando per Sansepolcro e Passo di Viamaggio, con destinazione Rimini, è lungo circa 130 km. Di questi, circa 60 km sono di divertimento assoluto .  Questo itinerario solitamente non è molto trafficato, quindi è perfetto durante l'estate oppure per una domenica in moto. Ho percorso questa strada sia di giorno che al tramonto, e devo dire che il susseguirsi di curve e il

Itinerari in Moto in Veneto: Colli Berici. Lago di Fimon, Strada degli Olivi, Strada del Vino.

Immagine
Un giro in moto perfetto per una gita domenicale è quello che dal Lago di Fimon , passando per Fimon, Nanto, e Mossano, porta a Barbarano Vicentino. Questo itinerario percorre due bellissime strade dei Colli Berici nei pressi di Vicenza: la Strada degli Olivi e la Strada del Vino . Il Lago di Fimon è inserito in un contesto paesaggistico molto interessante ed è spesso frequentato da motociclisti. Sono presenti alcuni bar, un ampio parcheggio, ed è possibile fare una passeggiata lungo le rive del lago. Dal lago si prosegue verso Fimon (oppure si può deviare per Lapio) e si seguono le indicazioni per Nanto . Per chi non fosse del posto, Nanto è una cittadina molto carina delle colline vicentine, non troverete da queste parti la sede della Sacra Scuola di Hokuto , e difficilmente vi capiterà di vedere Ken il Guerriero attraversarvi la strada... La strada che scende dalla dorsale berica verso Nanto è immersa negli olivi e prende appunto il nome di Strada degli Olivi. Il panorama è