I GIRI IN MOTO DI Alessandro Broglia e Alessandro Mollo

Circolo Polare Artico

Capo Nord, i fiordi della Norvegia, i paesaggi del Circolo Polare Artico. Questi luoghi sono nell'immaginario e nei progetti praticamente di tutti gli amanti del mototurismo. Io stesso, non avendo mai raggiunto quelle latitudini con la mia moto, desidero da tempo organizzare un viaggio per vivere l'emozione dei confini estremi a nord del nostro Continente. Alessandro Broglia e Alessandro Mollo hanno fatto qualcosa di più, hanno raggiunto il Circolo Polare Artico in pieno inverno, in sella a due Ducati Multistrada V4.


In moto al Circolo Polare Artico

In moto al Circolo Polare Artico

In moto al Circolo Polare Artico

In moto al Circolo Polare Artico

Alessandro Broglia e Alessandro Mollo ci raccontano la loro passione per la moto, per l'enduro, e il viaggio dello scorso inverno da Bologna al Circolo Polare Artico:


- Parlateci un po' di voi e del vostro rapporto con il mondo delle moto

Alessandro Broglia: L’amore per le due ruote nasce fin da bambino… quando incitavo i centauri, dal finestrino della macchina di mio padre, a passarci in impennata. Solo a 15 anni ebbi il mio primo mezzo a due ruote… uno scooter. Da quel momento la mia voglia di macinare km e bruciare gomme non si è mai placato. Qualche anno fa ho iniziato a fare enduro. La natura e i panorami che riesci a goderti in fuoristrada sono sempre un incentivo per spingerti oltre, e non mollare.

Alessandro Mollo: Ho sempre amato le moto ed i motori! Fin da piccolo il mio più grande desiderio era possederne una. Purtroppo i miei genitori erano contrari. Al compimento dei 18 anni con tutti i miei risparmi di innumerevoli natali e compleanni sono riuscito ad acquistarla. Un bellissimo CR 250 del 1996. In realtà sono sempre andato in moto anche in precedenza, utilizzando le moto di amici che correvano in prevalenza con motard e cross.


- Qual è il vostro giro in moto "della domenica" preferito?

Alessandro Broglia: Ormai è da anni che i week-end li passo sulla mia moto da enduro. Amo la natura e la libertà di girare in mezzo ai boschi. Non ho mai amato usare la moto da strada la domenica, troppa gente… troppo pericoloso.

Alessandro Mollo: Difficile da dirsi, come prima cosa è importante scegliere la compagnia di amici con la quale vivere l'avventura.


- Che moto avete in garage?
 
Alessandro Broglia: Ad oggi ho un ktm 950 Super enduro ed una Husquarvna 450 da enduro. Per tutti i giorni invece uso uno scooter People s200

Alessandro Mollo: KTM 300 2t.


- Parlateci del vostro viaggio in moto in pieno inverno da Bologna al Circolo Polare Artico con la nuova Multistrada V4!

Alessandro Broglia: È stato un viaggio duro, ma fantastico. Viaggiare in Inverno con picchi di -30 non è facile. Ma l’abbigliamento e la moto si sono comportati alla grande. Vi posso garantire che il nord in inverno è qualcosa di pazzesco. Vedere l’aurora boreale è qualcosa che non ha prezzo e che ripaga tutte le fatiche. Personalmente è la seconda volta che mi capita: 4 anni fa ero stato a Capo Nord in inverno, a bordo di una Ducati 1200 Enduro… ed anche in quella occasione ero stato premiato con uno degli spettacoli più belli della natura. Il fare enduro quasi tutti i week end aiuta molto in situazioni simili. La bassa aderenza può far paura, ma una volta che ci si prende la mano diventa tutto molto divertente. Mollo è stato il compagno ideale per un'avventura del genere. Anche lui endurista…  sapevamo entrambi a cosa andavamo incontro.

Alessandro Mollo: Ricordo fantastico, emozionante!!! L'aurora, i traversi sul ghiaccio, le renne, i paesaggi incontaminati, tutto senza prezzo!!! Diciamo anche che non è stata una passeggiata di salute. Bisogna rimanere sempre molto concentrati in un viaggio di questo tipo. La stanchezza, il freddo e le tante ore di guida moltiplicano le possibilità di incorrere in distrazioni. La cosa che più mi stupiva e mi gasava era la gente sorpresa nel vederci in moto a scorrazzare nei dintorni del Circolo Polare Artico, oppure quando ai distributori facevano rifornimento insieme alle motoslitte.

In moto al Circolo Polare Artico

Ducati Multistrada V4 al Circolo Polare Artico

Ducati Multistrada V4 al Circolo Polare Artico


- A cosa pensate quando indossate il casco e salite in sella alla vostra moto?

Alessandro Broglia: Ho preso i soldi per la benza?

Alessandro Mollo: Io ho un adesivo sul manubrio con scritto "remember", per ricordarmi di divertirmi ma di prestare attenzione. Ho avuto frequentemente infortuni nei vari action-sport che pratico.


- Il modello o la tipologia di moto che preferite?

Alessandro Broglia: Dipende da cosa devo fare. L’unico elemento in comune nelle mie passioni è la moto. Se devo viaggiare prediligo la Ducati: comoda, sportiva ed ITALIANA. Per fare enduro mi sono sempre trovato bene con le moto austriache.

Alessandro Mollo: In realtà io sono un vero appassionato, dipende dall'utilizzo che uno deve farne, dalla Lambretta a salire, se impenna per me è comunque divertente!


- La moto più bella e quella più strana che voi abbiate mai guidato?

Alessandro Broglia: La più bella? Beh… il nuovo Multistrada V4 è qualcosa di incredibile. Basta provarla per capire il perché. La più strana un Kawasaki 750 2 tempi… La chiamavano la bara. Mi è bastato tirare due marce ed arrivare alla prima curva per capire il perché.

Alessandro Mollo: Per viaggiare il Multistrada a mio avviso è ineguagliabile, per l'off-road prediligo i 2 tempi.



Il racconto e le foto del viaggio di Alessandro Broglia e Alessandro Mollo tra le nevi e i ghiacci del Circolo Polare Artico ci fanno tanta invidia. Quel genere di invidia buona, che ha un forte sapore amaro, ma anche un intenso retrogusto che sa di dolce, perché ti fa sognare e ti spinge a superare te stesso per progettare nuove avventure in moto.  

Viaggiare in inverno con la Ducati Multistrada V4

Viaggiare in inverno con la Ducati Multistrada V4


Segui Alessandro Broglia su Instagram

Segui Alessandro Mollo su Instagram

Non perdete tutte le storie raccontate dagli amici di Giri in moto, seguite il tag: #Interviste


Foto credits Alessandro Broglia / Davide Bozzalla

Commenti

Post più popolari